stile
Consigli Raimbow - tendenze, idee, suggerimenti per voi!

Stile, la differenza con il tema.

Lo stile e il tema sono effettivamente due cose differenti. Ma raramente le coppie lo sanno.
E’ facile confonderli e… Fonderli. E talvolta si fatica a distinguerli.
Ma lo stile non è il tema.
Perché non sono la stessa cosa?
In realtà la differenza è piuttosto evidente e anche semplice, ma a causa di alcuni errori di comunicazione o di coppie mal gestite si è creata confusione.
Vediamo di cacciare i dubbi e capire la differenza tra stile e tema.

Lo stile di un matrimonio

Cominciamo col dire che dallo stile non potete prescindere. Perché dovrete avere idea di ciò che volete trasmettere con il vostro matrimonio.
Eleganza? Romanticismo? Naturalezza? Volete richiami al passato, perché amate il vintage? O forse amate l’ambiente underground e preferite trasportare tutti in una cerimonia più moderna?
Qualsiasi sia la vostra idea, quell’idea è lo stile. E’ ciò che farà da fil rouge a tutto il vostro evento ed è ciò che i vostri invitati ricorderanno meglio.
L’eleganza di una location esclusiva, l’esuberanza di una mise en place colorata, il romanticismo di un abito da principessa con fiori dai colori delicati: è questo che resterà nel cuore, nella mente ed è questo lo stile.

Potreste preferire un matrimonio bohemien, che ha determinate caratteristiche, appunto, di stile. O uno totalmente shabby chic, che ha altrettante linee guida.
Quello che conta è che rispecchi la vostra personalità, che non sia forzato e che, se unito a un tema, sia in perfetta armonia con esso.
Possiamo unirlo a un tema – di cui parleremo tra poco – ma dobbiamo giocarcela bene. Dobbiamo essere capaci di non creare confusione e di creare un evento totalmente armonico. Gli errori e la sciatteria si notano, care coppie. Non ve lo diranno mai, ma lo penseranno. Fortuna vuole che sono errori che si possono tranquillamente evitare, soprattutto quando ci si affida ai professionisti del settore.

stile shabby chic
Pieno stile shabby!

Quindi il tema che cos’è?

Anni fa abbiamo seguito una coppia letteralmente innamorata delle principesse Disney. Abbiamo quindi creato delle vere e proprie scenografie che richiamassero il tema scelto: c’erano principesse Disney un po’ ovunque, poste in luoghi strategici per guidare gli invitati attraverso un percorso.
In un’altra occasione, invece, abbiamo sfruttato il tema viaggi che abbiamo unito a uno stile più vintage. Mappamondi, vecchi bauli e valigie, cartine topografiche antiche e un corner che piace sempre, con cappelli in stile Borsalino, rhum e sigari, divanetti tipici degli anni ’40 e biglietti d’aereo sparsi sui tavolini, risalenti al periodo anteguerra.

Il tema, quindi, è un filone che vi ispira, che vi piace, che vi rappresenta, che magari rispecchia una passione comune e che va declinato con delicatezza – o rischia di diventare pesante – abbinato a uno stile che accompagnerà tutto il percorso.

I temi possono essere diversi e non c’è un limite alla fantasia. Quello che conta è che il matrimonio non risulti una carnevalata. Possiamo inserire i punti cardini del tema, senza che il tutto diventi troppo “finto”.

tema viaggio
Il tema viaggi consente svariate interpretazioni!

Alla fine, cosa scelgo?

Quello che vi fa stare meglio!
Ricordate che il matrimonio o l’unione civile è la vostra. Dovete decidere VOI se mettere in scena un tema o seguire uno stile o, meglio ancora, dosare entrambi. Lo dovete sentire dentro, vi deve emozionare.
Non fatevi influenzare da nulla e da nessuno, ma ricordate che passare dall’effetto “wow!” all’effetto “ohmiodio” è un attimo.
Noi siamo qui per aiutarvi a realizzare una cerimonia quanto più perfetta possibile (perché la perfezione non esiste, ma la bellezza degli elementi sapientemente dosati sì), che lasci in voi e nei vostri invitati solo piacevoli ricordi.

E se avete trovato il nostro articolo interessante, condividetelo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *